31 Gennaio Gen 2015 1238 2 years ago

Al danese Andreassen il mondiale juniores, bene gli azzurrini

Grossa sorpresa a Tabor, battuto il favoritissimo Iserbyt, sesto Sala, settimo Dorigoni, tredicesimo Smarzaro, ventunesimo Folcarelli

Andreassen Iridato

Tabor (R. Ceca) (31/1) – I mondiali di ciclocross si aprono a Tabor, nella Repubblica Ceca, con una grossa sorpresa. Il danese Simon Andreassen conquista il titolo iridato juniores staccando di forza il super favorito della vigilia, il belga Eli Iserbyt, che ad oggi aveva perso soltanto una gara nei confronti internazionali. Questa seconda sconfitta viene nel giorno peggiore per il giovane talento, che ha dovuto lottare anche per la conquista dell’argento a 40” dal vincitore, regolando di un soffio l’olandese Max Gulickx.

Ottima e generosa la performance degli azzurrini schierati dal Ct Fausto Scotti: Stefano Sala sesto a 1’27” davanti al tricolore Jakob Dorigoni, settimo a 1’30”. La compattezza e la qualità del gruppo è confermata dal 13° posto di Daniel Smarzaro a 2’16” e dal 21° di Antonio Folcarelli a 2’40”.

Alle ore 14 la gara delle Donne Elite, con Eva Lechner che punta decisamente al podio.

UOMINI JUNIORES: 1. Simon Andreassen (Dan) in 42’24”; 2. Eli Iserbyt (Bel) a 40”; 3. Max Gulickx (Ola) a 41”; 4. Gage Hecht (Usa) a 44”; 5. Thijs Wolsink (Ola) a 1’10”; 6. Stefano Sala (Ita) a 1’27”; 7. Jakob Dorigoni (Ita) a 1’30”; 8. Eddy Fine (Fra) a 1’34”; 9. Jarne Driesen (Bel) a 1’53”; 10. Roel Van Der Stegen (Ola) a 1’58”; 13. Daniel Smarzaro (Ita) a 2’16”; 21. Antonio Folcarelli (Ita) a 2’40”.