18 Giugno Giu 2015 1421 one year ago

BAKU 2015: Kiryienka secondo pronostico

Il bielorusso domina la cronometro davanti all'olandese Clement e allo spagnolo Leon Sanchez. Boaro (11°) chiude a due secondi dai dieci, mentre Cataldo è 16°. Le prime dichiarazione di Salvoldi sulla prova di Guderzo e Ratto.

Kiryienka in azione a Baku

E’ venne il giorno anche di Vasili Kiryienka che si aggiudica il primo titolo dedicato alla cronometro di questi Giochi Europei e si ritaglia, così, un pezzo di immortalità sportiva. Il bielorusso è partito tra i favoriti ed ha mantenuto fede alle attese; ha fatto registrare subito il miglio tempo, controllando nel secondo intertempo, per poi “sferrare” l’attacco decisivo a metà gara, quando ha costruito buona parte del vantaggio sull'olandese Stef Clement. Alle spalle dei due è giunto Luis Leon Sanchez Gil, in testa per buona parte della competizione (essendo partito tra i primi) ma che è stato costretto ad accomodarsi sul gradino più basso del podio proprio nella parte finale della stessa. Poca gloria per i due azzurri. Manuele Boaro ha lottato strenuamente per restare nei 10 (in alcuni momenti ha anche dato l’impressione di riuscirci), ma alla fine ha chiuso all’11° posto, a 3’05 dal primo. Ancora più staccato Dario Cataldo, 16° a 3’41”, che può se non altro rallegrarsi per aver chiuso la gara in crescendo (4° tempo nel tratto finale).

Il bielorusso della Sky mette così questo Trofeo accanto al bronzo conquistato ai mondiali crono nel 2012 e alle medaglie su pista (un oro e un bronzo nella corsa a punti). Quanto questo sia prestigioso, non è ancora dato saperlo e lo dirà soltanto il futuro. Per ora dobbiamo registrare a questi Giochi Europei una prova contro il tempo priva dei migliori specialisti, impegnati nella preparazione al Tour, ma onorata senza dubbio con il massimo sforzo da coloro che si sono sfidati su un tracciato impegnativo soprattutto per le condizioni climatiche.

"Appena partito mi sono sentito bene - ha detto alla fine il vincitore -. Ho cercato di non dare subito fondo a tutte le mie energie e devo dire che sono stato aiutato da queste strade, che mi ricordano quelle di casa. Prepararmi per questa prova è stato veramente facile..."

LA DICHIARAZIONE DI SALVOLDI
Riguardo la prova delle azzurre che, lo ricordiamo, hanno chiuso al 23° (Tatiana Guderzo) e 25° (Rossella Ratto) posto, il tecnico azzurro Salvoldi ha commentato: “Non ci sono state sorprese. A questi livelli non siamo competitivi per fare risultato, ancora meno su questi percorsi, indipendentemente da chi potremmo schierare. Sono, comunque, esperienze che servono alle atlete per capire il livello complessivo delle avversarie e la preparazione richiesta.”.

A questo punto l’attenzione passa alle prove in linea, che si terranno sabato 20 (donne) e domenica 21 (uomini). Dirette su SkySport.

Ordine di arrivo
1. Vasil Kiryienka (Blr) in 59’36”;
2. Stef Clement (Ol) a 1’10”;
3. Luis Leon Sanchez Gil (Spa) a 1’32”;
4. Andriy Grivko (Ukr) a 1’46”;
5. Rsmus Quaade (Dan) a 2’12;
6. Anton Vorobyev (Rus) a 2’18”45;
7. Gatis Smukulis (Lit) a 2’18”98;
8. Ryan Mullen (Irl) a 2’41;
9. Jesus Herrada Lopez (Spa) a 2’51”;
10. Kamil Gradek (Pol) a 3’03”;
11. Manuele Boaro (Ita) a 3’05”;
16. Dario Cataldo (Ita) a 3’41”.

NEWS CORRELATE

BAKU 2015: La crono femminile parla olandese con Van Dijk e Van Vleuten

BAKU 2015: la parola agli stradisti

BAKU 2015: Dietro la falange svizzera di Schurter & Co un grande Kerschbaumer

BAKU 2015: A Jolanda Neff il primo titolo, quarta Eva Lechner

BAKU 2015: La Nazionale Crosscountry già sul campo di gara

Gli azzurri a Baku per la prima edizione dei Giochi Europei

Assegnati i posti per ogni nazione ai Giochi Europei di Baku

GIOCHI OLIMPICI EUROPEI: Dal 12 al 28 giugno 2015 a Baku, in Azerbaigian, la prima edizione