16 Settembre Set 2016 1842 7 months ago

EUROPEI STRADA: Doppietta francese, Zana sfiora l'impresa

Oro a Malle, argento a Jeanniere, bronzo allo sloveno Pogacar - Ottima prova degli azzurri, con il giovane di Thiene ripreso a 20 metri dall'arrivo e Battistella sempre in fuga

Arrivouominijrs

Plumelec (FRA) (16/9) - Doppietta francese nella corsa uomini juniores ai Campionati Europei Strada 2016. Nicolas Malle è il nuovo campione europeo, alle sua spalle festeggia il connazionale Emilien Jeanniere, mentre sul terzo gradino del podio lo sloveno Tadej Pogacar. L’Italia di Rino De Candido raccoglie un quinto e sesto posto, rispettivamente con Samuele Battistella e Filippo Zana, ma è andata vicino all’oro. Venti metri, tanti sono quelli che mancavano all’arrivo quando è stato ripreso Zana, che ha provato l’azione solitaria a 5 chilometri dalla conclusione.

Il sogno del 17enne di Thiene svapora ad un passo dalla linea, come spesso accade nel ciclismo: “Ho deciso di rischiare a 5 chilometri dalla conclusione. Sono partito quando si è esaurita la fuga di Samuele. Sulla salita però ho sentito le gambe dure.. ho cercato di tenere fino alla fine ma purtroppo non è bastato. Sono comunque contento di essere arrivato fin qui, al primo anno nella categoria.” Ci pensa un po’ su e aggiunge “…anche se l’oro era lì, ad un passo. Peccato!”

La gara degli azzurri è stata encomiabile. Samuele Battistella entra nella fuga che risulterà decisiva dopo tre giri, insieme ad otto corridori che poi si riducono a 6sei A 30 chilometri dalla conclusione prova l’azione solitaria: “Ho attaccato con lo sloveno, abbiamo accumulato massimo una quindicina di secondi di vantaggio. Poi siamo stati ripresi a 7 chilometri dalla fine. Poi è scattato Filippo. Io sono rimasto con gli inseguitori, ma nella volata non ne avevo più.” Finisce quinto, migliore degli italiani, superando proprio sulla linea di arrivo il compagno di colori ormai esausto.

“E’ stata una gara bella – ha detto al termine Rino De Candido - siamo stati protagonisti per tutta la corsa, ci è solo mancato un pizzico di fortuna. Abbiamo fatto una corsa accorta e siamo stati presenti nella fasi decisive.. un elogio a tutta la squadra.”

Una corsa che, alla prova dei fatti, per quanto dura non ha fatto segnare grandi distacchi. Il grosso del gruppo è arrivato a 10” dai primi. All’interno di questo anche gli azzurri Mattia Bevilacqua, 20°, e Stefano Oldani, 24°. Alessandro Covi, che ha lavorato molto nella prima parte di gara, ha chiuso al 45° posto a 25”; Andrea Biagioli 47° a 30”.

Domani mattina presto, alle 8,45, partirà la prova U23. Per gli azzurri saranno al via i confermati Vincenzo Albanese, Andrea Vendrame, Giovanni Carboni, Simone Consonni, Filippo Ganna e Edward Ravasi. Saranno 158 i corridori al via e si daranno battaglia sullo stesso tracciato in cui hanno gareggiato oggi gli juniores, di 13,7 km, che dovranno ripetere 11 volte per un totale di 150,7 km.

Nel pomeriggio sarà la volta delle Donne Elite e Under23. Per l’Italia al via Giorgia Bronzini, Ilaria Sanguinetti (U23), Tatiana Guderzo, Elisa Longo Borghini e Soraya Paladin. Per loro partenza alle ore 13,45, 8 giri del circuito e 109,6 km. in totale.

A.U.