17 Settembre Set 2018 1658 2 months ago

Azzurri, nel mirino c’è Innsbruck 2018

Il 40esimo piano del Grattacielo Generali, al CityLife District di Milano, tiene a battesimo le Nazionali per la rassegna iridata del 23/30 settembre e la presentazione della nuova Maglia Azzurra per la stagione 2018-2019 - Di Rocco: “Abbiamo una componente fondamentale: lo spirito di squadra”.

Conferenza Nazionali

Milano, 17 settembre 2018 – A un passo dal cielo, nascono le Nazionali che saranno impegnate ai Mondiali Strada e Crono di Innsbruck. Il grattacielo Generali, al 40esimo piano, nel cityLife District di Milano, ha fatto da scenario alla nascita delle Nazionali impegnate alla rassegna iridata (dal 23 al 30 settembre), dove in palio ci sono 10 titoli iridati tra strada e crono, per le categorie uomini (juniores, U23 ed élite) e donne (juniores ed élite).

Un’Italia che si appresta ad affrontare l’ultimo atto di una stagione intensa per le Nazionali.Una stagione che ha confermato il trend di crescita del ciclismo italiano regalandoci emozioni e soddisfazioni oltre ogni più rosea speranza. Con le ultime medaglie conquistate ai Mondiali di MTB, tra ciclismo e paraciclismo, il bottino complessivo è già salito a 76 medaglie nella stagione 2018, superando, ancora prima dell’appuntamento di Innsbruck, il già incredibile record dello scorso anno di 73 medaglie. Non sarà facile a Innsbruck ripeterci sui livelli fin qui espressi. Ma abbiamo una componente fondamentale che ha già fatto la differenza: lo spirito di squadra” - afferma il Presidente Di Rocco.

Presenti anche Antonio Rossi, Sottosegretario con delega ai grandi eventi sportivi della Regione Lombardia; Oreste Perri, Presidente Coni Lombardia, Giorgio Lazzaro, responsabile Marketing e comunicazione CityLife, oltre alla campionessa europea in carica, Marta Bastianeli, che ha evidenziato come “Indossare la Maglia Azzurra sia una forte motivazione. Auguro un in bocca al lupo a tutti gli azzurri a questi mondiali”. Al suo fianco anche la juniores plurititolata, Vittoria Guazzini che della sua convocazione per Innsbruck, dopo una stagione che l’ha già vista protagonista sottolinea: “Sono soddisfatta della mia stagione. Spero di concluderla con altre soddisfazioni”. Presenti anche il campione europeo dell’inseguimento individuale, lo junior Samuele Manfredi e Alessandro Fancellu, entrambi componenti fondamentali per la Nazionale a Innsbruck.

  • Nazionale Donne juniores ed élite: percorso anomalo, si punta sulla condizione più che sulla tattica

Il settore femminile continua a conquistare successi, sia su strada che su pista, guidato dal CT Dino Salvoldi è ben rappresentato anche a questo appuntamento iridato, con un organico di atlete medagliate e di altissimo livello che sono già un modello in ambito internazionale, anche le più giovani.

Dopo i due sopralluoghi effettuati, il percorso della prova in linea lascia spazio ad una sola interpretazione: è per atlete resistenti e con grande attitudine alle salite. Sia la parte finale come quella iniziale, richiedono più che un gioco di squadra o abilità tattica, una vera e propria attitudine e condizione dell’atleta: questa la grande differenza che riscontro rispetto agli altri mondiali che ho affrontato nel ruolo di commissario tecnico. Ci siamo abituati a vedere le nostre azzurre al massimo della condizione, come Longo Borghini, che è la nostra migliore individualità, e atlete di livello come l’olandese Van Vleuten e altre individualità dell’Olanda che in questa stagione hanno dimostrato di essere superiori. Tra le juniores abbiamo, invece, la squadra migliore ma non le due individualità più forti nel gruppo. Sapremo cogliere l’opportunità quando si presenterà”.

Per la Nazionale Donne élite in linea il CT ha ufficializzato 5 titolari su sette. Se la giocheranno quindi: Cavalli, Guderzo, Pirrone, Quagliotto e Ratto. Ma attenzione anche a Giorgia Bronzini!

Per quanto riguarda le cronogirls, il CT afferma: “Il percorso è lineare e abbastanza adatto a specialisti anche se presenta una salita nella parte centrale”.

  • Nazionale uomini Juniores e U23 – Coesione e Squadra come ordini di “scuderia”

Nella passata edizione l’Italia vinse uno splendido argento nella crono individuale dedicata agli uomini juniores con Antonio Puppio. Quest’anno l’obiettivo è confermarsi e migliorarsi: “Al via nella prova a cronometro individuale ci sono due giovani di talento: il campione italiano Andrea Piccolo e Samuele Manfredi, oro nell’inseguimento individuale su pista ai recenti europei e componente fondamentale del giovane quartetto, che hanno realizzato lavori specifici per affrontare nel migliore dei modi questa crono iridata. Vogliamo confermarci ed entrambi hanno voglia di correre! – sottolinea il CT De Candido.

La Nazionale del CT De Candido ha dato prova di essere competitiva durante tutta la stagione di confronto nelle prove di Coppa UCI dove l’Italia ha conquistato brillantemente il terzo posto nel ranking di categoria: “E’ una squadra davvero ben amalgamata. Le prove di Coppa ed i risultati ottenuti ne sono la prova concreta. Ogni azzurro ha un potenziale che aspetta solo di essere espresso. Sappiamo che dovremo misurarci con un grande talento come il belga Remco Evenepoel ma conosciamo anche il nostro valore e sicuramente correremo da protagonisti” – conclude De Candido.

Nella prova a cronometro U23 ci sarà il Campione Europeo in carica Edoardo Affini: “Edoardo è cresciuto moltissimo nell’ultimo anno, corre con la maglia di campione europeo della specialità e con una forte motivazione: il nostro obiettivo è salire sul podio. Konychev è un giovane atleta con caratteristiche interessanti e, come Sobrero, è impegnato su strada e pista. L’obiettivo per loro è fare bene”.

Nella prova in linea dedicata agli U23, ricordiamo che l’Italia, grazie al terzo posto nella Coppa Nazioni UCI di categoria, può schierare un atleta in più. Il percorso è decisamente impegnativo e il livello dei partecipanti sarà altissimo: “Ci saranno atleti di prima fascia. Altre nazioni schiereranno atleti world tour che hanno partecipato anche alla Vuelta di Spagna. Insomma, un mix pazzesco tra percorso duro e avversari competitivi. Noi abbiamo però realizzato un buon avvicinamento a questo appuntamento iridato con il gruppo di azzurri: stage di 15 giorni a Sestriere, partecipazione al Tour dell’Avenir. Abbiamo consolidato la coesione della squadra, con la consapevolezza che i nostri sono atleti di qualità e spessore i quali, anche senza un vero leader designato, sanno essere coesi e uniti verso l’obiettivo”.

  • Il CT Cassani “ Una Nazionale con basi molto solide”

“Un percorso decisamente duro che ho potuto verificare con i sopralluoghi effettuati. Quest’anno la Nazionale è nata, non lo si può nascondere, con alcune incognite che, passo dopo passo si stanno sciogliendo. È fondamentale avere una squadra coesa e questa lo è ed ha basi molto, molto solide. Noi ci siamo”.

Ed ancora il CT: “Sono molto concentrato sulla condizione dei nostri atleti che può migliorare. Per ora ho dato 11 nomi poi, passo dopo passo, in avvicinamento al Mondiale, deciderò insieme agli azzurri i titolari per la prova in linea. Siamo consapevoli del nostro valore e della nostra forza. Ricordo che abbiamo “centro campisti” d’eccezione come De Marchi, Caruso, Pozzovivo. Il percorso è duro e qui, a differenza degli altri anni, il mondiale non si decide l’ultimo giro. Dobbiamo quindi cercare di essere pronti per ogni evenienza. Nazioni da tenere d’occhio? Olanda, Francia e anche Colombia con le loro individualità. Per la crono i titolari sono Felline e De Marchi”.

La Nazionale mista (élite e U23) parteciperà al Giro di Toscana, Coppa Sabatini, Memorial Pantani e Trofeo Matteotti per testare “la gamba” e alzare il livello, grazie a questa formula che vede al via la nazionale mista in gare fondamentali già da qualche anno, degli azzurri U23.

Il Saluto del Presidente Renato Di Rocco

“Con i Campionati del Mondo su Strada di Innsbruck ci apprestiamo ad affrontare l’ultimo atto di una stagione intensa e impegnativa per le Nazionali azzurre.

Una stagione che ha confermato il trend di crescita del ciclismo italiano regalandoci emozioni e soddisfazioni oltre ogni più rosea speranza.

Con le ultime medaglie conquistate ai Mondiali di MTB, tra ciclismo e paraciclismo, il bottino complessivo è già salito a 76 medaglie nella stagione 2018, superando, ancora prima dell’appuntamento di Innsbruck, il già incredibile record dello scorso anno di 73. Credo che non ci sia bisogno di ulteriori commenti a riguardo, solo un grande ringraziamento per tutti gli stupendi protagonisti di questa fantastica avventura.

I titoli europei di Marta Bastianelli e Matteo Trentin a Glasgow; quelli di Affini e Guazzini a Brno, grazie ai quali nelle prove a cronometro potremo schierare tre atleti nelle categorie donne juniores e U23; i titoli iridati della stessa Vittoria Guazzini, del quartetto rosa e di Silvia Zanardi a Aigle; i successi ai Mondiali Paraciclismo di Maniago grazie al gruppo guidato da Mario Valentini, con ben 17 medaglie di cui 9 d’oro; i risultati strepitosi ai recenti Europei Juniores e Under 23 su pista di Aigle dove l’Italia ha portato a casa ben 13 titoli e 21 medaglie nonostante le difficoltà create dalla situazione del velodromo di Montichiari; l’argento di Kerschbaumer nel cross country élite e il bronzo di Marika Tovo tra le under 23, sono inequivocabili segnali che i nostri programmi funzionano, grazie alla collaborazione tra le Società, i Tecnici nazionali e il Centro Studi.


Dietro queste medaglie c’è la componente fondamentale che ha fatto la differenza: lo spirito di squadra. Possiamo affermare senza peccare di presunzione che questo valore è l’arma in più delle squadre azzurre.


Dietro queste medaglie c’è la componente fondamentale che ha fatto la differenza: lo spirito di squadra. Possiamo affermare senza peccare di presunzione che questo valore è l’arma in più delle squadre azzurre.
 Non sarà facile a Innsbruck ripeterci sui livelli fin qui espressi, anche per le caratteristiche tecniche dei percorsi, ma di una cosa siamo certi: l'attaccamento alla Maglia Azzurra delle nostre atlete e dei nostri atleti ci assicura che saremo ancora una volta protagonisti all’altezza della considerazione e del prestigio che il ciclismo italiano ha consolidato negli ultimi anni.

Oggi la presentazione anche della nuova Maglia Azzurra, un grazie quindi ai nostri compagni di viaggio che ci assistono e sostengono con il Top della loro produzione e certi di essere ricompensati della fiducia accordata.”

CONVOCATI – MONDIALI INNSBRUCK 2018

NAZIONALE DONNE JUNIORES

Commissario Tecnico: Dino Salvoldi – Collaboratore Tecnico: Paolo Sangalli

  • PROVA A CRONOMETRO INDIVIDUALE lunedì 24/09 – Km 20 – partenza ore 10.10

Da Hall-Wattens/Swarosski Kristallwalten a Innsbruck/Hofburg – 2 atlete al via + Vittoria Guazzini campionessa europea crono 2018 che corre per diritto

Camilla Alessio – Team Lady Zuliani

Giorgia Bariani – Team Wilier Breganze (titolare)

Vittoria Guazzini – Zhiraf Guerciotti Selle Italia (titolare)

Matilde Vitillo – Racconigi Cycling Team

Logistica: il ritrovo per la partenza è venerdì 21/09. Il Ct ufficializzerà la terza titolare tra Alessio e Vittilio prima della partenza per Innsbruck.

  • PROVA IN LINEA giovedì 27.09 – Km 71,7 – partenza ore 9.10 (4 titolari)

Da Alpbachtal Seenland/Rattenberg a Innsbruck/Hofburg – 4 atlete al via

Camilla Alessio – Team Lady Zuliani

Vittoria Guazzini – Zhiraf Guerciotti Selle Italia

Silvia Magri – Gauss Team (riserva)

Barbara Malcotti – Valcar Pbm

Matilde Vitillo – Racconigi Cycling Team

Logistica: il ritrovo per la partenza è lunedì 24/09

NAZIONALE DONNE ÉLITE

Commissario Tecnico: Dino Salvoldi –

  • Prova a CRONOMETRO INDIVIDUALE martedì 25.09 – Km 28.8 – partenza ore 14.40

Da Hall-Wattens/Swarosski Kristallwalten a Innsbruck/Hofburg - 2 atlete al via

Elisa Longo Borghini – Fiamme Oro/Wiggle High5

Elena Pirrone – Fiamme Oro / Astana Women's Team

Marta Cavalli - Asd Valcar Pbm (riserva)

Logistica: il ritrovo di partenza è venerdì 21.09 in Italia o direttamente a Innsbruck per le atlete già impegnate nella cronosquadre con i team di appartenenza.

  • PROVA IN LINEA sabato 29.09 – Km 156.2 – 3 circuiti brevi - partenza ore 12.10

Da Kufstein a Innsbruck/ Hofburg – 7 atlete al via

Sofia Bertizzolo – Fiamme Oro / Astana Women's Team (titolare)

Giorgia Bronzini – Cylance Pro Cycling

Elisa Longo Borghini – Fiamme Oro/Wiggle High5 (titolare)

Elena Cecchini – Fiamme Azzurre/Canyon Sram (titolare)

Tatiana Guderzo – Fiamme Azzurre/Bepink

Erica Magnaldi – Bepink (titolare)

Soraya Paladin – Alé Cipollini (titolare)

Elena Pirrone – Fiamme Oro / Astana Women's Team

Nadia Quagliotto – Top Girls - Fassa Bortolo

Rossella Ratto – Fiamme Azzurre / Cylance Pro Cycling

Logistica: il ritrovo di partenza è martedì 25/09 in Italia o direttamente a Innsbruck per le atlete già impegnate nella cronosquadre con i team di appartenenza. Il CT Salvoldi ha ufficializzato 5 titolari delle 7 al via, riservandosi il diritto di ufficializzare le altre 2 titolari successivamente.

NAZIONALE UOMINI JUNIORES

Commissario Tecnico: Rino De Candido

  • Prova a CRONOMETRO INDIVIDUALE martedì 25/09 – Km 27.8 – partenza ore 10.10

Da Hall-Wattens/Swarosski Kristallwalten a Innsbruck/Hofburg - 2 atleti al via

Samuele Manfredi – Work Service

Andrea Piccolo – Team Lvf

Antonio Tiberi – Team Franco Ballerini (riserva)

Logistica: il ritrovo di partenza è venerdì 21/09.

  • PROVA IN LINEA giovedì 27/09 – Km 132,4 – partenza ore 14.10

Da Kufstein a Innsbruck/ Hofburg – 6 atleti al via (con il 3^ posto nel circuito di Coppa Nazioni UCI di categoria l’Italia ha conquistato il diritto di correre con un atleta in più)

Gabriele Benedetti – Work Service Romagnano

Alessandro Fancellu – Canturino 1902 A.S.D.

Marco Frigo – Danieli 1914 Cycling Team

Andrea Piccolo – Team Lvf

Samuele Rubino – Team Lvf

Antonio Tiberi – Team Franco Ballerini

Logistica: il ritrovo di partenza è lunedì 24/09.

NAZIONALE UOMINI U23

Commissario Tecnico: Marino Amadori

  • Prova a CRONOMETRO INDIVIDUALE lunedì 24/09 – km 27.8 – partenza ore 14.40

Da Hall-Wattens/Swarosski Kristallwalten a Innsbruck/Hofburg - 2 atleti al via + Edoardo Affini, campione europeo crono 2018 che corre per diritto

Edoardo Affini – Seg Racing Academy

Alexander Konychev – Hopplà Maserati Petroli Firenze

Matteo Sobrero – Dimension Data For Qhubeka

Logistica: il ritrovo di partenza è venerdì 21/09.

  • PROVA IN LINEA venerdì 28/09 – Km 179.9 – partenza ore 12.10

Da Kufstein a Innsbruck/ Hofburg – 6 atleti al via (con il 3° posto nel circuito di Coppa Nazioni UCI di categoria l’Italia ha conquistato il diritto di correre con un atleta in più)

Andrea Bagioli – Team Colpack

Samuele Battistella – Zalf Euromobil Désirée Fior

Alessandro Covi – Team Colpack

Alessandro Fedeli – Trevigiani Phonix Hemus 1896

Alessandro Monaco – Petroli Firenze Hopplà Maserati

Matteo Sobrero – Dimension Data For Qhubeka

Logistica: il ritrovo di partenza è martedì 25/09.

Il CT Amadori ufficializzerà i 6 titolari della prova in linea il 24/09 a conclusione della prova a cronometro.

NAZIONALE UOMINI ÉLITE

Commissario Tecnico: Davide Cassani – Collaboratore Tecnico: Marco Velo

  • Prova a CRONOMETRO INDIVIDUALE mercoledì 26/09 – Km 52,5 – partenza ore 14.10

Da Rattenberg a Innsbruck/ Hofburg – 2 atleti al via

Alessandro De Marchi Bmc Racing Team

Fabio Felline Trek Segafredo

Logistica: il ritrovo è domenica 23 settembre direttamente a Innsbruck.

  • PROVA IN LINEA domenica 30/09 – km 258,5 – partenza ore 9.40

Da Kufstein a Innsbruck/ Hofburg - 8 atleti al via -

Fabio Aru Uae Team Emirates

Gianluca Brambilla Trek Segafredo

Dario Cataldo Astana Pro Team

Damiano Caruso Bmc Racing Team

Alessandro De Marchi Bmc Racing Team

Davide Formolo Bora-Hansgrohe

Gianni Moscon Team Sky

Vincenzo Nibali Bahrain-Merida

Franco Pellizotti Bahrain-Merida

Domenico Pozzovivo Bahrain-Merida

Giovanni Visconti Bahrain-Merida

Logistica: Dalla sera di domenica 23 a giovedì 27 settembre (dopo pranzo) gli azzurri convocati dal CT Cassani saranno in raduno Collegiale a Torbole (TN). La squadra partirà per Innsbruck giovedì 27 settembre nel pomeriggio