27 Gennaio Gen 2019 0930 6 months ago

CDM PISTA: Ancora un oro ad Hong Kong con Martina Fidanza

L'azzurra si aggiudica il primo gradino del podio nello Scratch, argento per l'Australia, bronzo per il Belgio - La Paternoster sfiora soltanto il podio Omnium, Scartezzini-Bertazzo settimi nel Madison

Fidanza Oro

Hong Kong (27/01) - L'Italia ad Hong Kong non smette di stupire. Ultima giornata di gare di questa sesta tappa di Coppa del Mondo pista, ed è ancora un'azzurra a rendersi protagonista di giornata. E' Martina Fidanza, che a salire sul primo gradino del podio nello Scratch sembra proprio averci preso gusto: dopo la vittoria della settimana scorsa a Cambridge, sua anche oggi la medaglia d'oro di specialità, conquistata con una bellissima volata finale contro l'australiana Alex Martin-Wallace e la belga Jolien D'Hoore, rispettivamente medaglia d'argento e di bronzo.

Una gara condotta per la maggior parte del tempo in solitaria dalla francese Coralie Demay, che a 20 giri dal traguardo va in fuga e si piazza alla testa della corsa. La sua potente azione termina però a due giri dal traguardo, quando il resto del gruppo decide di aprire finalmente il gas: nel giro finale Martina Fidanza si fa spazio, prende la ruota della belga D'Hoore e la salta nella curva finale, vincendo nettamente.

IL COMMENTO DEL CT SALVOLDI - Dall'analisi del CT Dino Salvoldi, la grande soddisfazione per l'oro di Martina Fidanza e la preziosa esperienza per Letizia Paternoster: "Martina si è dimostrata lucida, convincente e veloce. In una parola: brava! La vorrei più consapevole delle sue qualità ma... tempo al tempo. La gara dell'Omnium è stata fortemente condizionata da certe decisioni prese nelle prime tre prove. Nella corsa a punti abbiamo provato anche qualche alternativa tattica. Va benissimo così. E' tutta esperienza per Letizia".

OMNIUM FEMMINILE - Niente da fare infatti per Letizia Paternoster, che sfiora soltato il podio femminile nell'Omnium dopo un'esaltante sfida a tre. Alla fine l'azzurra si deve accontentare del quarto posto, fermandosi a quota 108 punti, soltanto quattro dalla medaglia di bronzo, l'australiana Alexandra Manly. La medaglia d'oro va all'olandese Kirsten Wild (137 punti), la sua seconda personale dopo quella vinta ieri nel Madison con Amy Pieters. Per l'atleta olandese questa è la terza medaglia d'oro nella specialità dell'Omnium, dopo Parigi e Londra (le uniche tappe di Coppa del Mondo a cui ha partecipato). L'argento va alla francese Laurie Berthon, ferma a quota 114 punti.

MADISON MASCHILE - Nell'Americana la coppia azzurra formata da Michele Scartezzini e Liam Bertazzo non va oltre la settima posizione, conquistando 6 punti. A prendersi la medaglia d'oro è la coppia neozelandese Sexton-Stewart, che con 33 punti sale sul primo gradino del podio. Medaglia d'argento per l'Australia (29 punti, coppia Welsford-O'Brien), bronzo invece per la Francia, che con Thomas e Maitre arriva a quota 21 punti.

KEIRIN FEMMINILE - Come successo ieri per Francesco Ceci, anche l'avventura Maila Andreotti nel Keirin termina ad un soffio dal secondo round. L'azzurra infatti non va oltre i ripescaggi. Medaglia d'oro per la cinese Wai Sze Lee, argento per Riyu Ohta (Giappone), bronzo a Jessica Hoi Yan Lee (Cina).