27 Settembre Set 2019 1316 one year ago

Yorkshire 2019: Fulmine Jastrab, è lei la regina

Epilogo allo sprint nel mondiale in linea donne juniores e successo dell'americana davanti alla belga de Wilde e all'olandese Nooijen. Alessia Patuelli è coinvolta in una caduta a 150 metri dal traguardo mentre era lanciata nella volata. Alessio, prima delle azzurre, è 11^.

Arrivodonnejrs

Harrogate (GBR) (27/9) - Previsioni confermate riguardo la prova in linea donne juniores ai Mondiali di ciclismo strada Yorkshire 2019. Gara che, nonostante diversi tentativi e molte cadute, si conclude praticamente in volata. Successo per la statunitense Megan Jastrab, davanti alla belga Julie de Wilde e all’olandese Lieke Nooijen. In realtà l'americana è stata brava ad evandere dal gruppo insieme alla Gareeva (vincitrice della prova crono) a 2 chilometri dalla conclusione. Riescono a conservare una manciata di secondi sul gruppo fino ai 200 metri. Poi la russa, che aveva inspiegabilmente tirato con l'americana alla ruota per tutto il tentativo, cede, mentre Megan ha la forza di sprintare e rendere vano il rientro del gruppo.

Alessia Patuelli, sprinter designata dal ct Salvoldi per un epilogo di questo genere, è coinvolta in una caduta rovinosa a 250 metri dalla conclusione, quando era in pieno recupero insieme al gruppo sulle due fuggitive (Gareeva e la stessa Jastrab): “E’ stato proprio un mondiale strano. Ieri sono stata male tutto il giorno, al punto che pensavo quasi di non partire. Poi invece mi sono ripresa. Pronti, via e sono vittima di una foratura. Niente di grave, eravamo nei primi chilometri e non è stato un problema. Poi qui sul traguardo ero sulla ruota dell’olandese, pronta a saltarla, quando questa è caduta e io con lei… Che rabbia!”.

La caduta scombina i piani della nostra Nazionale, che fino ad allora aveva corso bene, controllando una corsa nervosa ma mai veramente complicata. Sotto il traguardo la prima delle azzurre e Camilla Alessio, 11^. Seguono Sofia Collinelli, 19^ e Matilde Vitillo, 23^. Alessia Patuelli, con i segni della caduta, taglia il traguardo mestamente 37^.