5 Dicembre Dic 2022 1428 2 months ago

Gli azzurri MTB al Vittoria Park per migliorare la tecnica

Tre giorni di full immersion, nel parco tematico dedicato all'esperienza, all’innovazione e alla ricerca e sviluppo degli pneumatici per bicicletta di ogni disciplina del ciclismo. Progettato e voluto da Vittoria, partner della Federazione

Whats App Image 2022 12 03 At 15

BREMBATE (BG): Tre giorni all’insegna di salti e allentamento per la Nazionale XCO impegnata fino a domenica 4 dicembre in uno stage al Vittoria Park di Brembate, il parco tematico dedicato all'esperienza, all’innovazione e alla ricerca e sviluppo degli pneumatici per bicicletta di ogni disciplina del ciclismo progettato e voluto da Vittoria, partner della Federazione.


Inaugurato lo scorso mese, unico in Europa nel suo genere, il parco si sviluppa su una superficie di 50.000m2 dove si intersecano oltre 4km di piste road e off road, percorsi strada, gravel e mountain bike, settori dove è possibile cimentarsi sulla copia esatta di strade iconiche del ciclismo come Strade Bianche e la Parigi-Roubaix, sezioni con pietre, radici e rocce, oltre a una jump line lunga 380 metri e drop fino a 2 metri, una Pump Track realizzata secondo gli standard UCI e un airbag per cimentarsi con i salti.

“L’impianto delle rampe con il gonfiabile è stupendo - spiega il CT Mirko Celestino - perché mette a proprio agio i ragazzi con il volo aereo dato che la paura più grande è non sapere gestire la bicicletta in volo. Qui con la presenza del materasso siamo riusciti a far provare questa sensazione del vuoto in aria senza pericolo”.

Un vero e proprio ‘luna park delle due ruote’ quindi che si completa con uno splendido spazio polifunzionale, la Vittoria House, al cui interno oltre alla Caffetteria/Bistrot, allo flagship store Vittoria e al noleggio delle bici e delle attrezzature, troviamo anche un Auditorium che l’azienda ha in questa occasione messo a disposizione degli azzurri per le fasi di riscaldamento e stretching.

La struttura, dove è possibile pedalare in totale sicurezza, si presta quindi a 360 gradi anche per la preparazione del team MTB azzurro che in questi giorni sotto la guida del CT Mirko Celestino ha la possibilità di affinare le proprie skills in vista della prossima stagione ed auspica che in futuro possano essere più strutture così in giro per l’Italia, magari il più possibile vicino alle scuole perché attirerebbero anche tanti ragazzi a provare questo sport.

“Abbiamo trovato il Vittoria Park all’altezza e molto utile per le nostre specialità perché in uno spazio “ristretto” riusciamo a provare tutte le abilità tecniche e a curare nel minimo dettaglio le lacune tecniche.

Questo centro è l’ideale per le categorie giovanili dove possono allenarsi e approcciarsi alle prime difficoltà restando in una zona completamente in sicurezza, una peculiarità che, soprattutto dati i recenti incidenti, può aiutare ad invogliare ad avviare i propri figli alla disciplina della bicicletta. Oggi nonostante la pioggia abbiamo comunque avuto una giornata produttiva perché hanno potuto provato gli ostacoli e altre difficoltà tecniche bagnate dato che in questo sport si possono trovare cambiamenti climatici tra un giro e l’altro: prima si adattano ai cambiamenti meglio è. La struttura è perfettamente alla portata non solo dei più piccoli ma anche dei professionisti che vogliono migliorare la velocità, lo stile di guida: i secondi bisogna guadagnarli in ogni curva, ogni ostacolo, in ogni pietra perché alla fine quando si vengono a sommare tutti auesti secondi fanno la differenza".

Non solo bicicletta dato che nel pomeriggio la squadra si è spostata in una palestra: “Abbiamo analizzato i ragazzi dal punto di vista della forza per vedere con pesi e strumenti le lacune muscolari e posturali. Non andiamo solo in bicicletta. L’obiettivo è di farli crescere tutti assieme (al momento mancano gli atleti del ciclocross che ci raggiungeranno più avanti) dando i consigli giusti e lavorando insieme alle società e ai loro preparatori in modo che tutti siamo collegati, perché tutti lavoriamo nella stessa direzione”.

Federica Ronchi