8 Ottobre Ott 2023 1650 9 months ago

Mondiale Gravel - Trionfa Mohoric, settimo Velasco

Esulta lo sloveno, argento per il belga Vermeersch, bronzo al britannico Swift - Nona posizione per Alessandro De Marchi

Sprintcyclingagency 0750997 1 2000Px

PIEVE DI SOLIGO - Si è chiusa con la vittoria di Matej Mohoric l'edizione 2023 del Campionato del mondo Gravel. Esulta lo sloveno, autore di una gara sensazionale, secondo posto e medaglia d’argento per il belga Florian Vermeersch. Il bronzo finisce invece al collo del britannico Connor Swift, giunto ad oltre tre minuti dal vincitore. Il primo azzurro all’arrivo è Simone Velasco: il campione italiano su strada compie una bellissima rimonta trovando la settima posizione a 7’51” dal vincitore, chiudendo davanti a Wout Van Aert che, dopo cadute e problemi meccanici, era finito a quasi dieci minuti dalla testa della corsa, fino a chiudere a 8’21”. Nono posto per Alessandro De Marchi.

LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI

Simone Velasco: "In partenza ho sofferto un po' gli strascichi della corsa di ieri (il Giro di Lombardia, ndr), poi piano piano ho preso il mio ritmo e nel finale stavo abbastanza bene. Abbiamo fatto una bella corsa, peccato per la medaglia mancata ma abbiamo fatto il massimo".

Alessandro De Marchi: "E' stata una bella esperienza e sono contento di averla vissuta al massimo. Quando indossi la maglia azzurra bisogna sempre dare il massimo: vestirla è un onore e bisogna impegnarsi al 100% per ripagare la possibilità che ci viene data".

CT Daniele Pontoni: "Il bilancio di questo mondiale in Italia è super positivo. Innanzitutto per la medaglia d'argento conquistata ieri da Silvia Persico con una grandissima prestazione dell'intera squadra femminile. Ma anche oggi abbiamo visto un'altra bella gara con piazzamenti importanti. Chiudiamo queste due settimane portando a casa 2 medaglie, con Elena Cecchini all'Europeo e con Silvia Persico ieri, e soprattutto la consapevolezza che in questa specialità ci siamo: i 4 podi raccolti in questi 2 anni ci soddisfano a pieno. Concludo ringraziando tutto lo staff: meccanici, massaggiatori e tutti coloro che lavorano dietro le quinte perché hanno tutti per me un ruolo fondamentale e per me senza squadra sarebbe tutto molto molto più difficile, se non impossibile".

IL BILANCIO DEL PRESIDENTE CORDIANO DAGNONI: "E' stata proprio una bella esperienza: c'è stato grande entusiasmo e grande partecipazione, ma per noi della Nazionale italiana anche tanta soddisfazione grazie alla medaglia d'argento vinta ieri nella prova femminile. Oggi, con due atleti che avevano nelle gambe la fatica del Giro di Lombardia di ieri, siamo riusciti a raccogliere un settimo ed un nono posto, per cui non posso che ritenermi soddisfatto dal punto di vista agonistico. Per quanto riguarda invece l'aspetto organizzativo l'Italia ha dimostrato ancora una volta di essere all'altezza dei più grandi appuntamenti: ringrazio Luca Zaia, oggi presente alla corsa, e la Regione Veneto per il supporto che continuano a dimostrarci, e gli organizzatori per la perfetta riuscita di un evento non certo facile da gestire".

Ordine di arrivo:

1- Matej Mohoric (SLO) 4:53:56.72
2- Florian Vermeersch (BEL) +43
3- Connor Swift (GBR) +3:40
4- Alejandro Valverde (ESP) +6:48
5- Keagan Swenson (USA) +6:48
6- Quinten Hermans (BEL) +7:24
7- Simone Velasco (ITA) +7:52
8- Wout Van Aert (BEL) +8:21
9- Alessandro De Marchi (ITA) +9:08
10- Sebastian Sconberger (AUT) +9:431816:04